Rigori amari per i neroverdi in Coppa Italia

11

CASTELLANZESE – ARCONATESE 1-1 (0-1) 4-5 D.C.R.

Marcatori: 9′ Ferrandino (A), 2′ st Mandelli (C)

Castellanzese: Pilotti, Pisan (35′ st Perego), Ramires, Raso, Mazzola, Derosa, Ibe, Esposito, Cocuzza (35′ st Folla), Mandelli (17′ st Compagnoni), Ababio. A disp. Indelicato, Basilico, Bressan, Dervishi, Poretti, Zotaj.
Allenatore: Cretaz.

Arconate: Cordaro, Robbiati, Medici, Vecchiarelli (10′ st Mira), Bianchi, Ientile, Chessa (32′ st Silvano), Menegazzo, Ferrandino (43′ st Ferla), Ronzoni, Marcone (32′ st Albini). A disp. Rago, Ricca, Sacchini, Silvestro, Luoni.
Allenatore: Livieri.

Arbitro: Foresti di Bergamo (Scorrano di Lecce e Tinelli di Treviglio)

Ammoniti: Vecchiarelli (A), Menegazzo (A), Derosa (C)

Recuperi: 1’+ 4′

CASTELLANZA – La lotteria dei rigore premia l’Arconatese, che batte 5-4 i neroverdi. Primo tempo che si conclude con il vantaggio dell’Arconatese, segnato da un ex di turno – ovvero Daniele Ferrandino –  a inizio ripresa Mandelli firma il vantaggio. Poi alla lotteria il biglietto vincente lo strappa l’Arconatese.

Arconatese che parte subito forte con il duo d’attacco ex Castellanzese, ovvero Chessa e Ferrandino: sulle fasce fanno buona guardia Ramires e Pisan che sventano le prime sortite oroblu. Al 6′ arriva il primo tiro in porta dell’Arconatese: Vecchiarelli prova la botta da fuori, ma la sfera termina sul fondo. Al 9′ Menegazzo ha spazio per piazzare l’assist al bacio per l’incornata di Ferrandino. Pochi istanti dopo ci prova anche Chessa, sfera che però è altissima. Al 20′ svista di Raso: Ronzoni a tu per tu con Pilotti non trova lo specchio. Poco oltre la metà della prima frazione la Castellanzese torna dalle parti di Cordaro, ma è un nulla di fatto. Alla mezz’ora Arconatese vicinissima al raddoppio: ottimale la chiusura di Derosa su Ronzoni. Al 35′ Pilotti si immola sulla conclusione potente di Chessa, deviazione provvidenziale e la retroguardia di casa mette ordine.

Stessi 22 in campo ma cambio di modulo per la Castellanzese: 4-4-2 con Mandelli che da trequartista passa a esterno alto di destra. Dopo esattamente 120 secondi è proprio Mandelli a pareggiare i conti: assist pregevole di Cocuzza e 1-1. L’Arconatese prova a rispondere al quarto d’ora ma ancora una volta Ronzoni non trova lo specchio. Pilotti al 16′ compie un mezzo miracolo sulla conclusione di Ferrandino e concede solamente il corner. La risposta dei padroni di casa è immediata: lancio lungo di Pisan, Ababio non ci crede fino in fondo e l’incornata è troppo debole. A metà della seconda frazione di gioco sono gli oroblu a sfiorare il vantaggio: la testata di Chessa termina di poco sopra la traversa, ma Pilotti era già pronto a deviare. Dopo l’1-1 al triplice fischio si va ai calci di rigore.

SEQUENZA RIGORI 3-4

Silvano (A) segnato
Derosa (C) parato
Mira (A) parato
Esposito (C) segnato
Medici (A) segnato
Ababio (C) segnato
Ferla (A) segnato
Compagnoni (C) segnato
Ronzoni (A) fuori
Ibe (C) palo
Menegazzo (A) segnato
Raso (C) parato

Secondo me la gara è stata dominata a lunghi tratti dall’Arconatese, e bisogna fare i complimenti all’avversario. Noi abbiamo continuato a soffrire e certamente la partita non è stata vinta dall’Arconatese non per meriti nostri, ma per demeriti nostri. Noi siamo lontani da quello che vogliamo intraprendere, ma anche gli errori di oggi sono spunti per lavorare e preparare al meglio la prima di campionato

Roberto Cretaz

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

11