Juniores Nazionale, Castellanzese ti basta Dovera nel derby

11

CASTELLANZESE-LEGNANO 1-0 (0-0)
Marcatori: 9′ st Dovera

Castellanzese: Ferè, Signorella, Peloni, Praderio, Della Vedova, Carlevaro (12′ st Maggioni) Lorenzo (37′ st Poretti), Ghilardi (49′ st Galbiati sv), Dovera (20′ st Giancane), Parrotta, Gatti. A disp. Nisi, Moschetto, Valerio, Zotaj, Coletta. All. Colombo.

Legnano: Tamma, Eboa (14′ st Bertolli), Scanu, Mangieri (31′ st Focone), Bagnasco, Hasanaj, Di Benedetto, Grosso (24′ st Gioia), Bettini (40′ st Recchia), Todaj, Rizzini (17′ st Zana). A disp. Stevenazzi, Moscatiello, Shtyllaj, Kola. All. Bortolato.

Arbitro: Bonetto di Como (Fantini e Asfaq di Busto Arsizio)

Ammoniti: Eboa (L), Parrotta (C), Mangieri (L), Di Benedetto (L), Gatti (C).

CASTELLANZA (VA) –  Il derby è sempre derby, e i neroverdi hanno risposto presente. La Castellanzese batte il Legnano 1-0, grazie alla rete di Dovera arrivata al 9′ della ripresa.

A partire forte è il Legnano che cerca di pressare alto non facendo uscire dalla propria metà campo i neroverdi. Al 13′ si fa vedere la Castellanzese: corner, Parrotta mette la sfera fra i piedi di Ghilardi che però perde il momento del tiro. È al 25′ che arriva il primo vero squillo lilla: Bettini prova la conclusione, Ferè è bravo nel bloccare la sfera. Al 41′ Parrotta ci prova da calcio piazzato, l’estremo difensore lilla devia con un colpo di reni.

Al 9′ arriva il gol neroverde: Lorenzo si invola a rete, Dovera è nel posto giusto al momento giusto e insacca l’1-0. La Castellanzese prova in più occasioni a raddoppiare, ma la sfera sembra non voler più bucare la reta avversaria. Brividi al 47′ quando una rimessa laterale di Zana attraversa tutta l’area, ma Ferè trattiene la sfera. Non c’è più tempo, 1-0 per la Castellanzese che mantiene la testa della classifica.

Per noi è derby ed è da sempre una partita sentita. Nel primo tempo eravamo forse un po’ contratti, mentre nella ripresa siamo entrati bene. Sicuramente è importante non aver preso gol e aver portato a casa il risultato, poi siamo andati vicini al raddoppio. Oggi sono estremamente contento.

Matteo Colombo
11