Neroverdi a valanga, 5-0 anche a Inveruno

11

INVERUNO – CASTELLANZESE 0-5 (0-1)

Marcatori: pt: 24′ Chessa (C); st: 13′ Tramutoli (C), 15′ Chessa (C), 22′ Piran (C), 45′ Braidich (C)

Inveruno: Frattini, Orlando, Alemani, Vago, Rossi, Frigerio Fi, Mariutti, Medici, Rossi, Notareschi, Savarese. Entrati: Frigerio Fa., Frigerio L, De Cao, Venegoni, Martini, Micchichè, Li Sacchi, Grosso, Aiello, Pelosi. All: Grassi.

Castellanzese: Asnaghi, Compagnoni, Chessa, Sestito, Gazzetta, Mazzola, Tramutoli, Piran, Mandelli, Cattaneo, Cesaro. Entrati: Pisan, Perego, Alushaj, Micheli, Colombo, Ferrandino, Braidich, Meregalli, Nicastri, Ferè, Manfré, Signorella. All: Ardito.

 

Angoli: 3-6

Ammoniti: Frigerio Fi (I), Orlando (I), Sestito (C)

Espulsi: Micciché

INVERUNO – Scorpacciate di gol e trame prelibate condite da individualità interessanti. Altro 5-0, questa volta ai danni dell’Inveruno, quarta vittoria consecutiva e terza partita senza subire gol. Il cocktail di calcio e fantasia preparato da Mister Ardito funziona.

Ordinati e compatti, i neroverdi conoscono il copione della gara, anche perché in buona sostanza la sceneggiatura è firmata dai nostri ragazzi. Che riservano un colpo di scena poco prima della mezz’ora. Chessa riceve a metà campo e decide di fare il marziano: portiere fuori dai pali, pallone in fondo al sacco al ventiquattresimo rintocco. Ma il primo atto sul sintetico di Inveruno è ricco: prima e dopo l’invenzione del numero 7 i ragazzi di Ardito macinano gioco sulle fasce e creano occassioni con Piran che calcia la prima volta sul portiere e poi a fil di palo. Poi Tramutoli si fionda sul suggerimento dalla sinistra di Mandelli, ma è leggermente in ritardo.

La chance per il 17 ricapita in avvio di ripresa, quando Frattini si fida un po’ troppo del suo dribbling e lascia lì il pallone. Il pericolo lo sventa lui stesso, parando sempre su Tramutoli. Il primo squillo gialloblu arriva dopo cinque giri di lancette nel secondo tempo: Savarese mira la porta ma il suo tiro non scende.

Secco, deciso, forse anche un po’ rabbioso è il destro di Tramutoli che al terzo tentativo, o meglio al secondo, centra il bersaglio e raddoppia poco prima del quarto d’ora della ripresa. E spiana la strada al tris di Chessa che fa doppietta dal dischetto, con applausi a Leonardo Piran che quel penalty in qualche modo lo ha confezionato. Ennesima discesa sontuosa e imbucata per il Mago poi atterato in area. Gli applausi se li prende eccome il 19, e non solo figurati, quando stoppa di petto in area e insacca il poker all’angolino.

Il finale è di puro agonismo con Micciché che atterra in area Colombo al 45′. Dal dischetto si presenta Braidich che fa di nuovo pokerissimo.

Alessio Colombo

11