Sito ufficiale

Il futuro del Comunale

Il progetto per il nuovo stadio di Castellanza

Il progetto di ampliamento e riammodernamento dello Stadio Comunale di Castellanza è stato realizzato dall’USD Castellanzese 1921. E’ un’idea elaborata da Alberto Affetti per rendere l’impianto più fruibile, più confortevole e moderno con l’intento di dare spazio a diverse discipline sportive ed attività culturali e sociali di diverso genere.
Nelle parole espresse dal presidente neroverde in occasione della presentazione del progetto alla stampa, si evince la voglia di far vivere maggiormente l’impianto rispetto all’utilizzo attuale :
“ lo Stadio Comunale di Castellanza, ha bisogno di essere messo al centro delle attività sportive della città; ci sono gli spazi per poter ampliare l’offerta all’interno della struttura e soprattutto si può rendere lo stadio un luogo dove poter svolgere anche attività sociali e culturali.
L’ampliamento dell’ attuale tribuna coperta, da quattrocentonovantotto posti a sedere numerati a mille, la realizzazione di una gradinata scoperta di altri mille spettatori, consentirebbe all’impianto di ospitare eventi musicali all’aperto, rappresentazioni teatrali, riviste, insomma una sorta di palcoscenico all’aperto da utilizzare nei mesi estivi.
La tensostruttura posizionata dietro la porta, lato sud, potrebbe soddisfare la crescente richiesta di spazi per gli sport indoor come, volley, basket, pallamano ecc…
Adiacente alla palazzina dove attualmente la Pesistica Castellanza svolge la propria attività, prevedere uno spazio dedicato alla fisioterapia convenzionata, con prezzi calmierati a disposizione dei residenti castellanzesi.
Un impianto sportivo che si rispetti, oltre a pensare ai giovani, dovrebbe considerare anche chi, come gli anziani. Un centro aggregativo per sostenere tornei amatoriali di bocce, consentirebbe ai non più giovani, di passare il tempo in una struttura ospitale.
Il campo in erba sintetica darebbe la possibilità di utilizzare maggiormente il terreno di gioco; un bar ristorante ben attrezzato, sarebbe il giusto supporto tale da rendere più confortevole ed accattivante tutto l’impianto ai potenziali utenti.
Un occhio al risparmio energetico e quindi all’ambiente, attraverso l’installazione di pannelli fotovoltaici ed altri a solare termico, lampade a led, il tutto per ridurre in maniera significativa i costi di gestione.
Infine, abolizione della recinzione a bordo campo, su modello degli stadi inglesi, per educare maggiormente ad un senso di responsabilità e civiltà il pubblico che assiste alle partite di calcio.
Tutto quanto non è solo un sogno, ma un’idea concreta di sviluppo della pratica sportiva e non all’interno della nostra città.
Sono altresì consapevole del grande impegno finanziario, ma con la politica dei piccoli passi si può sperare che tutto quanto possa diventare un giorno realtà”.

Clicca qui per vedere le immagini del progetto