Pioggia di Goal

CASTELLANZESE – SARONNO 4-0

Zingaro, 21′ (C); Colombo, 24′ (C); Rota, 28′ e 86′ (C)

NEWS OFFERTA DA

CASTELLANZESE (4-3-3) Heinzl, Tatani, Lombardi (Greco, 53′), Fiore, Zingaro, Ghilardi, Rota (Porchera, 84′), Bigioni, Colombo (Milazzo, 75′), Pedergnana (Rondanini, 15′), Urso (Arrigoni, 80′). A disposizione: Pasiani, Battista. Allenatore: Palazzi.

SARONNO (4-4-2) Frigerio, Ferraro (Borghi, 85′), Favero, Onwudebe, Candiani, Galimberti, Marzorati (Vieira, 46′), Roberto (Zanzi, 87′), Alanca, Lardera, Surace. A disposizione: Crivelli, Pisoni, Bonfieni, Bruno. Allenatore: Aiello

Ammoniti: Lombardi (C), Frigerio (S).

Arbitro: Ferretti (sez. Brescia)

Assistenti: Nechita (sez. Lecco), Macchi (sez. Gallarate)

Al Giovanni Provasi di Castellanza non piove solo acqua sul Saronno, sempre più ultimo in classifica, ma anche tutta la furia agonistica di una Castellanzese più forte persino del brutto tempo. Dopo un brivido iniziale dato da una traversa colpita dagli ospiti con un tiro dalla distanza, i ragazzi di mister Palazzi cominciano a macinare gioco chiudendo l’avversario nella propria metà campo grazie ad una buona circolazione del pallone, nonostante il campo ai limiti della praticabilità causa pioggia.

Al minuto 21 il muro saronnese viene abbattuto da una testata di Zingaro, bravo in elevazione ad impattare in modo vincente il pallone messo in area dal calcio d’angolo di Urso. Dopo soli tre minuti la Castellanzese concede il bis con una punizione rasoterra imparabile di Colombo (24’). Al 28esimo arriva l’immediato tris neroverde: Rota riceve palla dopo una mischia sulla trequarti avversaria e con un tocco sotto scavalca il portiere in uscita siglando il 3 a 0 che stende il Saronno prima ancora che scocchi la mezz’ora di gioco.

Nella ripresa gli ospiti sprecano una grande occasione per provare a riaprire il match sbagliando un calcio di rigore con Alanca (tiro potente che sbatte sulla parte superiore della traversa) e la partita prosegue senza particolari acuti, ad eccezione del poker finale dei padroni di casa. Rota firma la sua doppietta personale con un tiro-cross dalla destra che in modo rocambolesco e beffardo sorprende il portiere saronnese, il quale intercetta il pallone senza però impedire che questo sgusci oltre la linea di porta (86’).

Bravi, Neroverdi, si ricomincia da dove si è lasciato; ora si deve continuare perché l’impegno infrasettimanale di mercoledì nella tana del Vigevano è un’altra prova delicatissima, da dentro o fuori per restare in Eccellenza.