Sito ufficiale

Castellanzese beffata dall'arbitro

Sconfitta sul campo dell'Alcione

"Rigore è quando arbitro fischia" è una delle espressioni che da sempre caratterizzano il mondo del calcio, a qualsiasi livello.
Il direttore di gara di Alcione - Castellanzese ha però creato una nuova variante dell'espressione suddetta, ovvero "errore è sia quando arbitro non fischia sia quando arbitro fischia", prima negando alla Castellanzese un rigore clamoroso (per usare un eufemismo) ignorando un vistoso fallo commesso su Carotenuto al minuto 20 della ripresa (sul risultato di 1 a 0 in favore degli ospiti) e poi facendo all'Alcione un regalo di Natale in forte ritardo con l'assegnazione di un penalty per un "fallo" inesistente (le virgolette sono più che d'obbligo visto che il contatto tra il difensore Ricci e l'attaccante avversario avviene dopo che il primo ha preso posizione davanti al secondo e ha già colpito il pallone) al 31esimo (sul risultato di 1 a 1).
Prima di questi due episodi la partita consente ad entrambe le squadre di mettere in mostra tutte le loro qualità con un primo tempo piacevole con occasioni da ambo le parti (all'occasionissima per l'Alcione con un tiro sotto porta respinto con una parata miracolosa di Borroni risponde la Castellanzese con un tiro altrettanto ravvicinato di Fedeli, che incredibilmente non trova la porta) e con un secondo tempo emozionante grazie al vantaggio neroverde di Carotenuto (tiro di controbalzo dal lato destro dell'area di rigore, deviato in porta da un difensore avversario, 5') e al pareggio di Pinato (diagonale chirurgico ad anticipare tutti sugli sviluppi di un calcio d'angolo, 24').
Dopo questi due episodi la partita è andata innervosendosi sempre più e, di conseguenza, in seguito al 2 a 1 definitivo per i padroni di casa, firmato da Pellegatta con il rigore incriminato, c'è stato spazio solo per polemiche e contestazioni per ogni decisione presa dall'arbitro in palese difficoltà (dopo un primo tempo diretto in modo impeccabile, peraltro).
La Castellanzese, oltre che oggettivamente penalizzata, si ritrova così al quinto posto in classifica a quota 30 punti; l'Alcione, autore di una bella prestazione indipendentemente dall'arbitraggio, ritorna in quarta posizione, scavalcando proprio i Neroverdi e rilanciandosi dopo la sconfitta della settimana scorsa contro il Busto 81.
Questa sconfitta e soprattutto il modo in cui è arrivata non ci volevano; ora serve ripartire immediatamente contro il Maslianico tra una settimana al Comunale di Castellanza e mister Scandroglio ha tutte le capacità necessarie per trasformare la rabbia e l'amarezza generate da questa partita in nuova carica e grinta per i suoi ragazzi.