Castellanzese, che quarantotto!

CASTELLANZESE – FENEGRO’ 2-2

Milazzo 4′ (C), aut. Pasiani 30’ (C), Nardi 31′ (F), Urso 79′ (C)

CASTELLANZESE (4-3-3)
Caputo (Pasiani, 25′), Zingaro (Greco, 65′), Arrigoni (Tatani, 77′), Porchera (Ghilardi, 55′), Fiore, Tamai, Rota, Bigioni, Milazzo, Rondanini (Battista, 70′), Urso. A disposizione: Pedergnana, Colombo. All. Palazzi Emiliano

FENEGRO’ (4-4-2)
Ciocarolli, De Vincenzi, Djibo Badji (Mercurillo, 71′), Candolini, Bello, Putignano (Laraia, 80′), Nodari (Cassina, 71′), Panzetta, Pizzini, Gestra, Nardi (Torraca, 81′). A disposizione: Intorre, Arcuri, Curia. All. Broccanello Simone

Ammoniti: Tamai (C), Djibo Badji (F), Panzetta (F), Ghilardi (C), Pasiani (C)

Arbitro: Guzzabocca (sez. Seregno)

Assistenti: Bonomi (sez. Milano), Martone (sez. Monza)

Spettatori: 300 circa

La Castellanzese chiude il suo primo storico campionato d’Eccellenza con un risultato al di là delle più ottimistiche previsioni: sesto posto solitario a quota 48 punti (frutto di 13 vittorie, 9 pareggi e 10 sconfitte).

La squadra di mister Palazzi ottiene il suo decimo risultato utile consecutivo bloccando sul 2 a 2 un Fenegrò agguerrito (che non riesce a garantirsi i play off dato il distacco di 10 lunghezze dal Busto 81, ndr), mettendo il punto esclamativo finale alla straordinaria marcia fatta nel girone di ritorno con conseguente scalata della classifica del girone A.

Il match si mette subito bene per i castellanzesi che sbloccano il risultato con Milazzo: al quarto minuto la punta neroverde intercetta un maldestro passaggio della difesa in fase d’impostazione, salta il diretto marcatore e segna con un esterno destro imparabile che prende in contropiede il portiere. Gli ospiti provano a reagire, ma la Castellanzese tiene bene il campo con la consueta sicurezza e fluidità di manovra. Poi al 30′ arriva l’episodio, che come sempre nel calcio è sinonimo di cambiamento del risultato: Djibo Badji riconquista palla sugli sviluppi di un’azione insistita, mette in area dalla sinistra un cross potente e teso la cui traiettoria beffa Pasiani (subentrato a Caputo, costretto ad uscire poco prima per uno scontro di gioco con Pizzini, ndr) che di fatto si mette il pallone in porta da solo. Il Fenegrò coglie l’attimo e già nell’azione successiva ribalta il risultato con Nardi, che batte il portiere neroverde con un magnifico destro dalla distanza mandando la sfera proprio sotto l’incrocio dei pali (31′). Il primo tempo si chiude con gli ospiti in vantaggio. Nella ripresa il Fenegrò non riesce a dare concretezza ai propri tentativi di chiudere il risultato e la Castellanzese ne approfitta senza fare sconti: al 79esimo Urso si infila tra le maglie della retroguardia avversaria, scambia nello stretto con Ghilardi e davanti a Ciocarolli non sbaglia siglando il 2 a 2 finale con un preciso sinistro ad incrociare.

Castellanzese, quest’anno hai proprio fatto un bel Quarantotto, di numero e di fatto! Dopo un legittimo periodo di ambientamento alla nuova categoria, la squadra ha preso le misure a tutti gli avversari, si è calata perfettamente nel ruolo di protagonista e non solo di comparsa del campionato; mister Palazzi e tutta la società hanno creato e rinforzato in corso d’opera un gruppo sempre più coeso, consapevole e competitivo; i tifosi non hanno fatto mai mancare il loro sostegno e la loro fiducia, pur venendo da una stagione di “facile” dominio in Promozione. Il risultato non è solo una salvezza strameritata e conquistata con largo anticipo, ma una garanzia di un futuro più che promettente per la prossima stagione.

Buonissima la prima, complimenti a tutti!